Società: capitalista? postindustriale? finanziaria?


L’astratto della realtà virtuale é, per dirla con le categorie di Luhmann, uno dei tanti indicatori della contingenza che si afferma come valore proprio della società e quindi della comunicazione. (Manfré 2008)

Secondo questo autore, non possiamo più descrivere la società come ‘capitalista’ o ‘postindustriale’ e suggerisce usare il termine ‘società finanziaria’, un concetto che ha la sua importanza nell’ambito di Internet.

L’imporsi della contingenza come valore proprio della società ha avuto un effetto su diversi aspetti della società, tra cui il medium ‘denaro’. Questo ha assunto una forma sempre più ‘contingente’ e astratta, come quella del denaro elettronico. I pagamenti in denaro, nella sua forma astratta (denaro elettronico) favoriscono processi astratti, come quelle transazioni che a loro volta producono informazioni che vengono poi elaborate come comunicazione e generano degli effetti reali sull’insieme del sistema economico. Se una banca modifica gli interessi applicati ai clienti, questa informazione non solo può spingere i clienti a spostare i propri risparmi, ma al trasformarsi in comunicazione che circola tra i clienti e anche fuori, nei media, causa aspettative sulle future azioni della banca in relazione al mercato. Una possibilità che si trasforma in reale per effetto della comunicazione.

Su scala globale, l’economia finanziaria lavora su ‘ipotesi di pagamenti’ che ancora non sono avvenuti, come nel caso del mercato dei derivati. Nel momento in cui il valore di scambio prevale sul valore d’uso, l’elemento informativo o comunicativo assume dunque un ruolo importantissimo. La crisi dei subprime é un buon esempio di ciò.

Il valore d’uso di beni, cose etc. non diventa altro che il loro valore di scambio.”1

La fusione nell’anno 2.000 di America On Line (AOL) con Time Warner fu la prima grande dimostrazione di come una giovanissima impresa il cui valore in borsa era cresciuto a dismisura sulla scia della bolla digitale, riuscì a monetizzare il valore ‘di futuro’ che il mercato le aveva concesso, creando una fusione con Time Warner, impresa di grande tradizione e solidissima posizione nel mercato.

L’astratto del prossimo futuro sarà sempre più concreto. É per questo che oggi la tecnologia digitale ha assunto un ruolo economicamente decisivo nelle società avanzate: nel giro di pochi anni sarà l’informazione più immateriale (immateriale digitale) a essere oggetto della parte preponderante degli scambi economici e sociali.”2

Finito il tempo del fordismo, dell’incontro tra capitale e lavoro, siamo adesso nell’epoca del capitalismo ‘software’ e della modernità leggera, come la descrive Bauman, dove l’organizzazione aziendale é concepita come un constante e mai concluso intento di adattarsi a un contesto “complesso, proteiforme e in rapido movimento e dunque ambiguo, incoerente e plastico”.3

Una adattabilità aziendale che non può più basarsi su strutture durature e solide ma deve essere capace di navigare acque turbolente, con la creatività e l’esigenza del pubblico a marcare la rotta.

1 Piazzi 1995, pagina 244

2 Manfré 2008, pagina 98

3 Bauman 2000, pagina 131

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s